CORREGGIMI SE SBAGLIO. I retroscena tra autore ed editor

18,00

 

ACQUISTA

 

Descrizione

 

 

CORREGGIMI SE SBAGLIO

I retroscena tra autore ed editor

Presentazione di Benedetta Centovalli
Edizioni Santa Caterina, 2015
Collana “Quaderni del master di editoria”, 8, pp. 216,
ISBN 978-88-96120-24-8
EURO 18

 

SOMMARIO E INTRODUZIONE

 

Il volume è disponibile anche in formato elettronico su Casalini Digital:  clicca qui 

 

Dodici storie di editing che accompagnano il lettore dietro il sipario di carta dei libri. Non esiste soltanto la storia narrata dal romanzo: ne esiste un’altra altrettanto coinvolgente e con diversi protagonisti, lo stesso autore e il suo editor. Da Giordano a Dahl, da Kerouac alla Ginzburg un viaggio che non conduce alla testa dello scrittore ma alla mano di chi l’ha corretto. Dalla Solitudine dei numeri primi a On the road, da Se questo è un uomo al Richiamo della foresta, bozze, lettere e interviste svelano che un libro non è semplice documento ma testimonianza umana.

 

Dalla presentazione «L’editor non è una ghigliottina»

 

Parlare di editing è come indagare intorno a un iceberg, la parte visibile è di gran lunga meno imponente di quella che non si vede e che poco si racconta. Causa un pregiudizio duro a morire, il lavoro editoriale sembra non avere piena dignità intellettuale: è un lavoro di squadra e non individuale (anche da qui il cono d’ombra), è condizionato dalla casa editrice, dal profitto, dal mercato. è fatto di mediazione e la mediazione per sua natura non ha proprietà intellettuale. Eppure… Eppure nel passaggio dal testo al libro, le azioni che si compiono sono determinanti e il nodo della revisione del testo, della messa a punto e accordatura, è centrale. Anche quando parliamo di editing parliamo di letteratura e dunque parliamo o dovremmo parlare di responsabilità, di posizionamento, di orientamento dello sguardo. Allora come e con quale finalità riscrivere?

 

Benedetta Centovalli

 

 

 

 

 

SOMMARIO

 

TESTI INTRODUTTIVI

«L’editor non è una ghigliottina». Presentazione

(Benedetta Centovalli)

 

Correggeteci se sbagliamo. Premessa

 

CORREGGIMI SE SBAGLIO

Casi italiani

«L’ultimo della catena». Se questo è un uomo: Primo Levi e Franco Antonicelli

(Barbara Ottin Bocat)

 

A proposito di Maria: Lalla Romano. Il marchio Vittorini e l’officina dei “Gettoni”

(Isabella Saya)

 

La «coscienza critica» di Einaudi. Natalia Ginzburg sulle note di Lessico famigliare

(Arianna Previdi)

 

Datemi quindici giorni, massimo vent’anni. 

D’Arrigo, Sereni, Gallo e la lunga attesa di Horcynus Orca

(Gabriele Monaco)

 

«Lo vedi, lo senti?» Francesco Biamonti letto e corretto ad alta voce

(Paola Daniela Bettolini)

 

Per Grazia ricevuta. Grazia Cherchi e Il coraggio del pettirosso di Maggiani

(Giulia Marziali) 

 

Matematicamente vincente. Percorso editoriale della Solitudine di Paolo Giordano

(Cinzia Crinò)

 

Una finestra illuminata. Chiara Gamberale, tra funzionalità del testo e alchimia umana

(Laura Febo)

 

Casi stranieri

Le cinquemila parole tagliate.Sull’editing del Richiamo della foresta di Jack London

(Eleonora Gentile) 

 

Grandpa & Son. Editing the dead: Derleth sfida Lovecraft

(Daniele Baroni)

 

On the Road: da rotolo a libro. Kerouac sulla strada della pubblicazione

(Meliss a Minò)

Bambini e topi. Roald Dahl e Stephen Roxburgh a caccia delle Streghe

(Alice Cianni)

 

Indice dei nomi